Robert Janson, Installaton of plastic bags. 2011

Robert Janson – Pink Jellyfish in Plastic bags

Pink Jellyfish made of plastic bags

Robert Janson installation to inhabit an empty space, 2011.

Una installazione per riempire uno spazio vuoto

Nel 2011, gli studenti del Lund Technical College Svezia, hanno accettato la sfida di progettare e creare un’installazione plastico-geometrica in grado di riempire uno spazio completamente vuoto. Robert Janson  ed i suoi compagni di classe hanno scelto di utilizzare sacchetti di plastica per creare la loro struttura.

Continue reading “Robert Janson – Pink Jellyfish in Plastic bags”

Yasuaki Onishi Installation: Reverse of Volume, Rice University Art Gallery, 2012

Yasuaki Onishi – Reverse of Volume – Scolpire uno spazio fuori dal vuoto e dalle ombre

Reverse of Volume by Yasuaki Onishi

Sculpting a space out of the void and shadows

Scolire uno spazio fuori dal vuoto e dalle ombre

Nell’Opera Reverse of Volume, Yasuaki Onishi, artista Giapponese, utilizza sottilissimi fogli di plastica trasparente e fili di colla nera, creando paesaggi astratti, sculture sospese, tanto prive di peso quanto di ombre ma allo stesso tempo monumentali.

Continue reading “Yasuaki Onishi – Reverse of Volume – Scolpire uno spazio fuori dal vuoto e dalle ombre”

Maria Cristina Finucci, 5 milioni di tappi per gridare HELP!

Maria Cristina Finucci’s installation

5 milioni di tappi di plastica colorata per gridare HELP al mondo.

La monumentale installazione Help, l’Età della plastica, ideata dall’artista Maria Cristina Finucci, è ospitata dal 25 settembre 2016 al 8 gennaio 2017 nell’area archeologica dell’isola di Mozia.

Continue reading “Maria Cristina Finucci, 5 milioni di tappi per gridare HELP!”